• Search
  • Lost Password?
  • it

Narratè, tutte le novità in attesa del festival 2018

Partner di In Tè Bologna Festival 2018 si riconferma Narratè, il prodotto di food design che collega il tempo di infusione di una bustina di tè o di infuso alla lettura di un racconto a tema. L’idea è di Adriano Giannini che, in una notte insonne, preparando una camomilla, ha voluto dare un senso a quei 4-5 minuti di attesa. Così è nato Narratè, che oggi può contare su una decina di referenze diverse.

Nel 2017 al festival del tè è stato lanciato il titolo dedicato a Bologna. Che cosa potremo aspettarci per In Tè Bologna Festival 2018? Lo abbiamo chiesto ad Adriano ed ecco che cosa ci ha raccontato.

Quali novità vedremo a In Tè Bologna Festival 2018?

Sicuramente tra fine novembre e inizio dicembre usciranno due racconti scritti da Roberto Piumini, famoso scrittore per l’infanzia definito “il moderno Rodari”. Si tratta di fiabe del buongiorno, racconti belli per tutte l’età, per regalare un buongiorno diverso ai bambini ma anche ai loro genitori. La nostra capacità di produrre altri nuovi titoli dipenderà poi da altre attività come l’abbonamento a Narratè tramite crowdfunding (per saperne di più cliccate qui). Ci piacerebbe realizzare una produzione legata ai segni zodiacali e mi piacerebbe studiare una miscela che possa diventare il souvenir del festival, che raccolga l’essenza emozionale di In Tè Bologna Tè Festival.

Adriano, hai partecipato alla prima edizione del festival. In base alla tua esperienza, a quello che hai provato durante In Tè Bologna Festival 2017, come ti immagineresti questa miscela?

Secondo me dovrebbe contenere diversi tipi di tè: bianco, verde, nero,… ma anche il rooibos. Già in “Essenza del buddismo” abbiamo mescolato tè verde e tè nero ed è stato molto apprezzato. Poi la miscela-souvenir del festival dovrebbe contenere sicuramente un ingrediente che rappresenti l’Italia visto che il festival è una manifestazione italiana. Mi vengono in mente i fiori d’arancio o il bergamotto, tipicamente italiano e già tanto utilizzato nel mondo del tè.

Che cosa ti viene in mente se dico la parola “tè”?

Secondo me è una “parola liquida”. Che cosa significa? Che prende significato in relazione al contenitore in cui viene accolta. Mi viene in mente poi la cerimonia inglese del tè anche se il mio prodotto è moderno, emozionale, qualcosa che collega mondi diversi. Il tè del resto è una bevanda antica ma che ha in sé anche spunti di innovazione, legata a un passato glorioso che va riscritto in chiave moderna.

www.narrateworld.com

Written by
Redazione
View all articles
Leave a reply

2 comments
  • […] Narratè torna a Bologna in occasione della Fiera del libro per ragazzi (Bologna Children’s Book Fair) dal 26 al 29 marzo 2018 al padiglione 25 – stand B 97 all’interno di Bologna Fiere. È uno dei più importanti eventi al mondo dedicati all’editoria per bambini e ragazzi. Narratè sarà presente come new entry con l’ultima novità, le “Fiabe del Buongiorno” di cui l’ideatore, Adriano Giannini, ci aveva parlato qui. […]

Written by Redazione