Vestizione del Kimono. Che cos’è?

Tra gli eventi dedicati alla cultura giapponese di In Tè Bologna Tè Festival 2018 trovate la vestizione del Kimono, un rituale antico e affascinante guidato dalla maestra Tomoko Hoashi. Di che cosa si tratta e perché partecipare?

Partiamo dall’inizio. Sapete che cos’è un Kimono? In giapponese significa “cosa da indossare” ed è il nome con cui si identifica l’abito tradizionale in Giappone. Un costume elegante, colorato che ha mantenuto la stessa forma originaria risalente al periodo Nara (VIII sec.). La sua apparente semplicità nasconde secoli di tradizioni, strati di teli avvolti sapientemente per esaltare il corpo umano in modo diverso a seconda della stagione, dell’età, del sesso e dell’occasione. Pensate che per indossare alcuni Kimono è necessaria un’ora intera di lavoro e almeno un aiutante!

Non solo. La tecnica è talmente sofisticata, le parti che compongono l’abito e gli accessori sono talmente numerosi che al giorno d’oggi non sono tante le persone ancora in grado di gestire senza problemi la vestizione di ogni tipo di Kimono. Tra queste la maestra Tomoko Hoashi, originaria della regione del Kyushu, in Giappone. A In Tè Bologna Tè Festival 2018 la maestra ci presenterà due vestizioni diverse, spiegandone la storia, le differenze e le varie parti che compongono il costume. Sapete che ognuna ha, per esempio, un nome specifico?

Grazie a Tomoko Hoashi questo rituale non avrà più segreti per voi! Un incontro da non perdere se siete appassionati di cultura giapponese o se vi state preparando per un indimenticabile viaggio in Giappone.

La maestra Hoashi, in particolare, ci mostrerà e ci spiegherà nel dettaglio le vestizioni di tre diversi Kimono. La prima è sabato 10 febbraio alle ore 15 in sala Mozart (scopri il programma completo). Protagonista di questa sessione sarà il Kimono furisode, il costume delle donne nubili per occasioni speciali (come il Capodanno), caratterizzato da maniche ampie e lunghissime. L’incontro è a pagamento e su prenotazione. Per iscriversi cliccate qui

Domenica 11 febbraio alle ore 15 in sala Mozart Tomoko Hoashi ci condurrà invece in un mondo da romanzo con la vestizione di due costumi che racchiudono l’essenza dell’estetica giapponese. Protagoniste di questo incontro sono infatti le figure della Geisha e dell’Oiran, due diversi tipi di intrattenitrici che hanno ispirato storie e film. Quali sono le differenze tra questi due personaggi della storia giapponese? Come si vestivano? A tutte queste domande risponderà la maestra Hoashi. L’incontro è a pagamento e su prenotazione. Per iscriversi cliccate qui

In questo bellissimo video potrete conoscere qualcosa di più sulla storia di questa tradizione e su come vengono realizzati i tessuti per i Kimono.